CasaClima R

EDIFICI ESISTENTI/RISANAMENTO

01

In Italia la maggior parte degli edifici esistenti non appartiene al patrimonio storico ma è costituita da abitazioni realizzate negli anni del dopoguerra, quando l'energia costava quasi niente. Le statistiche riportano infatti che quasi il 60% del patrimonio residenziale italiano è stato costruito tra il 1946 ed il 1981. Nelle regioni nel Nord Italia il consumo di energia degli edifici esistenti si aggira, mediamente, attorno ai 18-20 litri di gasolio per metro quadro annuo. La media nazionale è stimata intorno ai 12-14 litri di gasolio (equivalenti a 12-14 metri cubi di gas).
Ogni edificio ha le sue caratteristiche ma per ogni edificio esistono delle soluzioni che permettono di migliorare il comfort termico e di ridurre i consumi energetici.  La dimensione del risparmio sulla bolletta energetica dipende chiaramente dalla dimensione dell'intervento di riqualificazione. In ogni caso il primo responsabile per lo spreco di energia è l'involucro, seguito dall'impianto termico. 

 

PERCHÈ RISANARE UN EDIFICIO?

Pur essendo la costruzione di nuove case secondo lo standard CasaClima molto importante, sta di fatto che risulta ancora più forte la spinta verso il risanamento energetico di vecchi edifici. Oltre l'80% del patrimonio edilizio è stato costruito dal 1960 al 1990. In questo periodo si parlava poco o niente d'isolamento termico, sia in riferimento alle murature che al tetto ed alle finestre. Lo stesso vale per l'approvviggionamento energetico che proveniva (come del resto anche oggi) quasi esclusivamente da fonti d'energia fossile. Ciò rende l'idea di quanto in questa situazione si spendeva e si spende tuttora in termini di energia, situazione tutt'altro che sostenibile in presenza di una progressiva scarsità delle risorse e di conseguenza di prezzi in forte crescita. A questo problema si aggiunge quello dell'impatto sul clima e sull'ambiente dovuto alle scelte dellee politiche energetiche. Bisogna quindi agire ed in fretta: lo stato attuale della tecnologia per il risanamento energetico degli edifici permette un risparmio fino al 90% del fabbisogno energetico ante-operam. 

 

COME RISANARE  CORRETTAMENTE?

02

L'obiettivo è di elaborare per l'edificio in questione un concetto di risanamento su misura. Perciò è in primo luogo opportuno appoggiarsi ad un tecnico competente, che accompagnerà il committente attraverso tutto il processo di risanamento. Una corretta consulenza deve cominciare con l'analisi dell'edificio esistente: attraverso un sopralluogo sarà possibile focalizzare i punti critici e particolari dell'edificio in questione. Verranno presi in considerazione ed analizzati tutti gli elementi costruttivi, come le pareti perimetrali (esterne), il tetto, il solaio verso lo scantinato o contro terra, ma anche l'impianto di riscaldamento.
Il passo successivo deve prevedere il calcolo del fabbisogno termico per il riscaldamento e del fabbisogno di energia primaria dell'edificio esistente ed il confronto con i consumi reali.

 

CASACLIMA R

03

 

Chi risana l’esistente sceglie il futuro

Con il nuovo protocollo CasaClima R l’Agenzia CasaClima intende promuovere la qualità nel risanamento energetico degli edifici esistenti.
Come tutti sappiamo, la sfida principale che il mondo dell’edilizia dovrà affrontare nei prossimi anni non riguarderà solo la costruzione di edifici energeticamente più efficienti, ma soprattutto il miglioramento energetico e qualitativo dell’immenso patrimonio edilizio esistente.

Per le nuove costruzioni esistono ormai da tempo soluzioni tecniche standardizzate, di dimostrata efficacia sia dal punto di vista delle prestazioni energetiche sia del rapporto costi/benefici. Queste conoscenze tecniche non sempre si dimostrano facilmente trasferibili anche agli interventi sull’esistente. La complessità e la forte disomogeneità di caratteri dell’edilizia esistente richiede sia un’elevata capacità di valutare le singole situazioni, sia di mettere in atto risposte specifiche, difficilmente standardizzabili.

La sostenibilità economica dell’intervento richiede inoltre valutazioni approfondite, che tengano in considerazione non solo il risparmio energetico ottenibile ma anche il miglioramento del comfort e della qualità interna degli edifici e l’aumento del loro valore immobiliare.

 

Risposte specifiche a problemi specifici

Nel variegato panorama edilizio italiano le abitazioni costruite prima della legge 373 del 1976 sul contenimento dei consumi energetici costituiscono circa i due terzi dell’intero settore residenziale. Si tratta di edifici caratterizzati non solo da elevati consumi energetici, ma spesso anche di edifici obsoleti, non più in grado di rispondere alle esigenze e necessità di chi li abita.

Sempre più committenti interessati ad un risanamento energetico chiedono quindi non solo di poter risparmiare sulle proprie bollette, ma anche di trasformare la propria abitazione in un edificio moderno e confortevole.

Gli incentivi economici promossi negli ultimi anni, come la detrazione fiscale per i lavori di risanamento e ristrutturazione o gli incentivi urbanistici, come il bonus di cubatura, hanno sicuramente portato ad un incremento gli interventi di rinnovamento edilizio e riqualificazione energetica, in particolare nel campo degli edifici unifamiliari.

Più difficile risulta la promozione di tali interventi nell’ambito degli edifici plurifamiliari, che rappresentano una grossa fetta del patrimonio edilizio italiano esistente. Gli ostacoli non sono tanto di carattere tecnico, ma derivano dalla difficoltà di raggiungere decisioni condivise fra tutti i proprietari, finalizzate alla messa in atto di interventi che vadano a riqualificare l´intero edificio.

Esiste inoltre un’ampia casistica di situazioni in cui è difficile procedere con un risanamento complessivo per la presenza di vincoli di tutela o vincoli tecnici, che costringono ad intervenire in modo parziale e con forti condizionamenti.

 

DETRAZIONI FISCALI

HM52-Abitazioni Ecologiche segue i clienti nella fase di progettazione, ristrutturazione e in tutte le procedure per ottenere il massimo delle detrazioni fiscali.
Per una panoramica delle detrazioni fiscali potete consultare le relative sezioni:

Ristrutturazioni Edilizie
Risparmio energetico
Disabilità 
Bonus mobili

CasaClima Wine

01

La certificazione CasaClima Wine nasce per rendere credibili anche all´esterno gli sforzi compiuti da numerose aziende vinicole nella direzione di una maggiore sostenibilità.
Per raggiungere lo standard di qualità CasaClima Wine devono essere considerati tutti i diversi aspetti della sostenibilità: qualità ecologica, qualità socio-culturale e qualità economica.
Per questo accanto all´ecocompatibilità e all´efficienza energetica dell’edificio il sigillo CasaClima Wine valuta anche il consumo di risorse ed energia del processo di vinificazione. Non mancano considerazioni relativamente alla scelta degli imballaggi e agli impatti dovuti al trasporto del vino.
Anche i requisiti di comfort e benessere negli spazi di accoglienza e lavoro sono criteri importanti per una cantina che voglia definirsi sostenibile, così come gli aspetti economici e di trasparenza legati alla gestione.

 

AREA DI VALUTAZIONE NATURA

02

La riscoperta di metodi costruttivi tradizionali combinati con l’utilizzo delle più recenti tecnologie edili consente un concreto risparmio di energia nella gestione delle cantine vinicole. L’utilizzo di locali interrati e fuori terra ben isolati riduce al minimo i consumi per riscaldamento e per raffrescamento. Gli impatti delle fasi più energivore del processo di produzione, come la maturazione e conservazione del vino, possono essere così ridimensionati.
L`impiego di energie rinnovabili per la copertura del fabbisogno energetico contribuisce ulteriormente alla diminuzione delle emissioni di gas climaalteranti. Ridurre e semplificare gli imballaggi, passando a un packaging monomateriale che facilita il riciclo, è un ulteriore parametro di qualità CasaClima Wine così come il basso impatto ambientale dei materiali impiegati nella costruzione della cantina. Un ulteriore aspetto nella direzione della sostenibilità è la limitazione del grado di impermeabilizzazione del terreno e l‘uso efficiente della risorsa acqua nei processi di vinificazione.

 

AREA DI VALUTAZIONE VITA

03

 

CasaClima Wine vuole offrire un elevato comfort microclimatico sia a chi lavora all’interno della cantina vinicola, sia ai visitatori.

Oltre al benessere termico e al comfort acustico, importanti sono anche un’elevata qualità dell’aria e l’uso ottimale della luce naturale.

La cantina si inserisce rispettosamente nelle particolarità del paesaggio e dialoga con le culture presenti nel territorio.

 

 

 

AREA DI VALUTAZIONE TRASPARENZA

04

 

La certificazione CasaClima Wine promuove i provvedimenti utili per risparmiare risorse ed energia e ridurre i costi di gestione delle cantine. Per ogni fase del processo produttivo è previsto un monitoraggio dei consumi per verificare l`efficacia delle soluzioni di risparmio idrico e energetico adottate. Trasparenza significa anche adottare strategie di comunicazione interna ed esterna che sensibilizzino personale e visitatori all´uso razionale delle risorse.

CasaClima Work&Life

01


Il Sigillo di qualità Work&Life rappresenta un ambito di specializzazione della Certificazione di Sostenibilità dell'Agenzia CasaClima per strutture adibite ad uffici e servizi.  La certificazione è uno strumento per introdurre all’interno di queste strutture, misure tecniche e strategiche di gestione coerenti con uno sviluppo rispettoso e consapevole.

Il sigillo si basa sui tre pilastri della sostenibilità: Ecologia, Economia e Aspetti socio-culturali che nel catalogo dei criteri Work&Life corrispondono ai concetti “Natura” (ecologia), “Vita” (aspetti socioculturali) e “Trasparenza” (economia).

 

 

PERCHÈ SCEGLIERE CASACLIMA WORK&LIFE?


Per il committente

La certificazione di sostenibilità Work&Life permette di dare risalto a quei progetti concepiti nella consapevolezza e nel rispetto delle risorse e delle persone. Con il catalogo dei criteri il committente ed il team tecnico hanno la possibilità di utilizzare delle linee guida complete per la progettazione sostenibile. Work&Life offre una soluzione in cui si integrano tutti gli aspetti e che segue il committente dalla pianificazione, attraverso la costruzione fino al processo gestionale.


Per i collaboratori e gli utenti

Il nuovo sigillo di qualità garantisce ai collaboratori ed utenti di poter lavorare e vivere in una struttura in cui si realizza un impegno concreto nei confronti delle problematiche ecologiche, economiche e socioculturali della regione in cui si situa. Work&Life segnala un percorso completo, attivo e integrato verso la sostenibilità e rappresenta una certificazione di un ente terzo, riconosciuto e neutrale.

 

Per l’Agenzia CasaClima

Work&Life è un progetto che nasce dall’esperienza di CasaClima in ambito di efficienza degli edifici e vuole essere un sistema di certificazione della sostenibilità globale di un progetto, specializzato in relazione alla funzione d’uso. La tipologia di utilizzo della struttura è un para-metro decisivo non solo per l’analisi energetica, ma anche per valutare i possibili scenari di pianificazione e gestione. L´Agenzia CasaClima parte dalla consapevolezza che per eseguire un’analisi di sostenibilità equilibrata su un edificio e sul suo impatto, non basta affidarsi ad una valutazione parziale degli effetti, ma che deve essere stabilito un metodo che permetta a tutti i portatori di interessi di intraprendere un percorso in cui vengano introdotte misure praticabili, controllabili e comunicabili relative a tutti gli ambiti di influenza connessi.

Clima Hotel

SIGILLO DI QUALITÁ CLIMA HOTEL

01 Il Sigillo di qualità ClimaHotel si basa sui tre pilastri portanti della sostenibilità: Ecologia, Economia e Aspetti socio-culturali. Il nuovo sigillo di qualità rappresenta lo strumento per introdurre all’interno delle strutture alberghiere misure tecniche e strategiche di gestione coerenti con uno sviluppo sostenibile dell´attività turistica. Nel catalogo dei criteri ClimaHotel questi tre pilastri della sostenibilità corrispondono ai concetti “Natura” (Ecologia), “Vita” (aspetti socioculturali) e “Trasparenza” (Economia).

 

I passi verso la certificazione

Il processo di certificazione si divide in tre fasi: Pre-Certificazione, Certificazione e Re-Certificazione. Durante questo processo l’albergatore ed il team tecnico vengono affiancati da un auditore formato specificatamente dall’Agenzia CasaClima.
La Pre-Certificazione è la fase durante la quale vengono stabiliti gli scopi e vengono definite le basi per la progettazione architettonica, la costruzione e la futura gestione. Dopo la consegna della Pre-Certificazione il committente può utilizzare il sigillo ClimaHotel per lo sviluppo del marketing.
La Certificazione prende in esame la realizzazione concreta degli impegni presi e degli scopi definiti durante la Pre-Certificazione. Si conclude con l’emissione della targhetta ClimaHotel, che da questo momento può essere esposta e utilizzata come mezzo di comunicazione.
La Re-Certificazione avviene ogni due anni dalla consegna della Certificazione e stabilisce se la gestione alberghiera ha portato avanti coerentemente gli scopi di sostenibilità garantendo gli standard di qualità a cui si era impegnata.

 

7 RAGIONI PER CLIMA HOTEL

  1. competenza energetica CasaClima 
  2. qualità costruttiva CasaClima  
  3. elevato comfort ambientale per gli ospiti  
  4. guida completa alla progettazione sostenibile  
  5. valutazione completa della prestazione touristica  
  6. guida per la gestione ecocompatibile  
  7. visibilità e diffusione del sigillo di qualità

 

AREA DI VALUTAZIONE „NATURA“

02


In questa categoria vengono analizzate le prestazioni della struttura in ambito ambientale. In particolare vengono valutati l’indice di efficienza energetica dell’involucro edilizio e l’indice di efficienza complessiva del sistema edificio –impianto secondo lo Standard CasaClima (area di valutazione “Energia”). 

Nelle aree di valutazione „Terra“ e „Acqua“ viene esaminato l´utilizzo delle risorse, considerando sia aspetti legati alla progettazione, che alla gestione della struttura alberghiera. In particolare, il bilancio di impatto ambientale dei materiali da costruzione impiegati viene esaminato con lo standard “CasaClima Nature”.
In questi ambiti ricade anche il tema dei trasporti e la valutazione delle proposte per incoraggiare l´utilizzo dei mezzi per la mobilità sostenibile.

 

 

AREA DI VALUTAZIONE „VITA“

03

 

Il punto focale di questa categoria è il rapporto della struttura con il benessere degli ospiti (elemento di valutazione „Uomo“), attraverso la valutazione di comfort ambientale e accessibilità. L’elemento di valutazione “Ambiente” esamina invece la qualità degli spazi interni ed esterni, considerando anche come l´hotel si mette in relazione con le peculiarità del paesaggio e dell´ambiente circostante. Il criterio di valutazione “Autenticità” esamina le misure adottate per valorizzare la connessione con l’autenticità del luogo attraverso l’utilizzo di prodotti e materiali locali. Di questo concetto di utilizzo delle risorse locali diventa parola chiave il tema “Re-regionalizzazione”.

 

 

 

AREA DI VALUTAZIONE „TRASPARENZA“

04

 

L´area „Trasparenza“ vuole rappresentare uno strumento di supporto al committente per redigere una valutazione degli ambiti legati ai costi e alla qualità. Attraverso il confronto con il catalogo dei criteri il committente/albergatore/investitore ha la possibilità di valutare la coerenza degli scopi con i mezzi a disposizione. Gli indicatori di valutazione legati ai costi di costruzione e ai costi di gestione sono strumenti di controllo e di trasparenza, che permettono di valutare la concretezza dei dati già in fase di pianificazione. All´interno di quest´area vengono esaminati anche criteri legati alla durabilità della costruzione. La comunicazione rappresenta un ulteriore importante elemento di valutazione, orientato a dare risalto a quelle strategie di gestione atte alla sensibilizzazione e alla comunicazione dei valori di sostenibilità dell´hotel, sia nei confronti dei collaboratori che degli ospiti.

CasaClima Welcome

IL SIGILLO DI QUALITÁ PER UN'OSPITALITÁ SOSTENIBILE

01

 

CERTIFICARE LA SOSTENIBILITÁ

Un modello di qualità per strutture ricettive sostenibili

CasaClima Welcome è il protocollo di certificazione nato per implementare concretamente un sistema di valutazione della sostenibilità globale all ́interno del processo di realizzazione e di gestione di strutture che offrono servizi di ospitalità come bed&breakfast e garnì.

Il sigillo di qualità CasaClima Welcome segnala all ́ospite che trascorrerà le sue vacanze in una struttura in cui si realizza un impegno concreto per garantire benessere e comfort nel rispetto della protezione dell ́ambiente.

Il protocollo di certificazione è strutturato secondo tre aree di valutazione

– Natura, Vita e Trasparenza – che individuano i diversi aspetti della sostenibilità: qualità ecologica, qualità socio-culturale e qualità economica.

 

02  03  04

 

CRITERI DI QUALITÁ CASA CLIMA WELCOME

Il protocollo CasaClima Welcome stabilisce delle linee guida applicabili alle strut- ture che offrono servizi di ospitalità come bed&breakfast e garnì. L ́obiettivo principale è di promuovere i provvedimenti utili per risparmiare risorse ed energia e ridurre conseguentemente i costi di gestione e l ́impatto di queste strutture sull ́ambiente. In questo ambito efficienza energetica e utilizzo razionale della risorsa idrica sono criteri fondamentali, così come una scelta consapevole dei materiali. Una struttura ricettiva che voglia definirsi sostenibile deve inoltre garantire elevati livelli di comfort e salubrità negli spazi di accoglienza e deve mettere in atto stra- tegie di comunicazione finalizzate a informare e sensibilizzare gli ospiti sui temi della sostenibilità.

CasaClima Habitat

01

CasaClima Habitat vuole essere un impulso per valutare la sostenibilità non solo dei singoli edifici, ma di tutto il contesto abitativo. Il nuovo sigillo di qualità premia quelle buone pratiche di progettazione e gestione in cui intere aree abitative sono concepite secondo standard innovativi, sia a livello di misure tecniche che strategiche.
Chi vuole eseguire un’analisi di sostenibilità globale equilibrata, non può affidarsi solo a una valutazione parziale degli effetti, ma deve stabilire un metodo che permetta a tutti i portatori di interessi di intraprendere un percorso in cui vengano introdotte misure praticabili, controllabili e comunicabili relative a tutti gli ambiti di influenza connessi.

Per questo la certificazione CasaClima Habitat non si limita a considerare solo gli aspetti legati ai consumi energetici delle costruzioni ma introduce criteri di valutazione che interessano tutti gli ambiti della sostenibilità: natura ( aspetti ecologici), vita ( aspetti socio-culturali) e trasparenza (aspetti economici).

 

Perché scegliere CasaClima Habitat?

Per il committente
• competenza e qualità costruttiva CasaClima
• visibilità e diffusione del sigillo di qualità

Per l’utente
• elevato comfort ambientale
• risparmio dei costi di gestione
• integrazione di servizi per gli utenti
• investimento economico che mantiene il valore nel tempo

Per il progettista
• guida alla progettazione sostenibile

 

Come ottenere la certificazione? 


Il catalogo dei criteri è lo strumento principale con cui interfacciarsi per intraprendere il percorso di certificazione. Per ognuno dei criteri vengono definiti i requisiti di qualità che un’area abitativa deve soddisfare per poter ottenere il sigillo CasaClima Habitat.
Il primo passo dell’iter di certificazione è quindi quello di verificare che il progetto in questione soddisfi i criteri del catalogo. Se questo avviene sarà emesso il pre-certificato CasaClima Habitat. Il raggiungimento dei requisiti sarà verificato poi in fase di realizzazione attraverso audits in cantiere. L’esito positivo dei controlli consentirà il rilascio, a conclusione dei lavori, del certificato di qualità CasaClima Habitat e relativa targhetta.

 

AREA DI VALUTAZIONE NATURA

02

 

CasaClima Habitat parte dalle competenze della certificazione CasaClima: per questo limitare il fabbisogno energetico invernale ed estivo delle abitazioni rimane il principale obiettivo. Questo presuppone una corretta progettazione dei singoli edifici ma anche un’attenta valutazione del loro orientamento e della loro posizione reciproca all´interno del lotto. La diminuzione del fabbisogno energetico e la sostituzione delle fonti energetiche fossili con risorse rinnovabili consente di limitare le emissioni di CO2 contribuendo alla tutela del clima. Anche l’impiego di materiali a basso impatto ambientale e una corretta gestione dei rifiuti sono requisiti imprescindibili per un contesto abitativo CasaClima Habitat. La certificazione valuta inoltre i provvedimenti adottati per favorire il trasporto pubblico e la mobilità ciclopedonale in alternativa all’utilizzo dell’automobile privata. La riduzione dei consumi idrici presuppone una buona progettazione delle installazioni idrauliche degli edifici ma richiede anche la corretta realizzazione e gestione del verde pubblico e privato

 

AREA DI VALUTAZIONE VITA

03

 

Offrire spazi di vita di elevata qualità a tutti gli abitanti è un requisito prioritario per ottenere il sigillo di qualità CasaClima Habitat. Questo significa  costruire edifici con elevati standard in termini di comfort acustico, termoigrometrico e luminoso e che permettono a tutti di accedere in autonomia agli appartamenti, ai servizi presenti nell’area, agli spazi comuni interni e esterni. Le occasioni di socializzazione devono essere incrementate offrendo spazi fruibili anche dai non-residenti. Gli spazi pubblici devono essere progettati in modo da permettere a tutti di godere in piena sicurezza e libertà del piacere di stare all´aria aperta per il maggior tempo possibile durante l’anno. Un’area abitativa CasaClima Habitat deve inoltre salvaguardare la´bellezza e tutelare il valore ecologico del sito in cui sorge. L’utilizzo di materiali e tecniche costruttive locali rafforza ulteriormente il legame del nuovo costruito con il luogo.

 

 

AREA DI VALUTAZIONE TRASPARENZA

04

 

CasaClima Habitat vuole essere uno strumento a tutela degli interessi di tutti gli attori coinvolti nel processo edilizio. Per questo è necessario che gli obiettivi di sostenibilità, anche per quanto riguarda gli aspetti economici, siano chiari, trasparenti e soprattutto condivisi. Se per gli investitori è fondamentale una chiara visione dei costi di investimento e dei relativi tempi di ammortamento in funzione di diversi scenari, l’acquirente o l’affittuario deve essere messo in condizione di poter stimare in modo preciso i futuri consumi e i costi da affrontare per la manutenzione delle componenti costruttive e impiantistiche nonché per la gestione degli spazi comuni. È importante, inoltre, una strategia di comunicazione e formazione degli abitanti affinché coloro che abitano nell’area acquisiscano gli strumenti per orientare in modo sostenibile i loro comportamenti.